Caricamento Eventi

« All Eventi

Il mistero della vita è accogliere un altro fin dal mattino – Festa di Natale 22 dicembre 2019

22 Dicembre - 22 Marzo, 2021
domenica
00:00 - 17:00

Don Ambrogio: Voglio ripercorrere adesso con voi alcuni passaggi perché penso che ci aiutino a guardare con sguardo rinnovato a questa avventura (cioè andare incontro a uno che mi sta venendo incontro, a prescindere dalla nostra distrazione) perché se noi non ci rendiamo conto di che cos’è il mistero della vita e quindi il mistero di questa accoglienza dell’altro, mai potremo fare esperienza, potremo spendere tante parole ma mai fare esperienza cioè gustare il significato delle cose.

Che cosa ci sta più a cuore in questo tempo d’Avvento? Ciò che la Chiesa ci richiama nel tempo d’Avvento è il mistero dell’attesa. Perché se ti dicessero che sta per arrivare un tuo amico tu ti metti in attesa, lo aspetti. Attesa viene dal latino e significa “essere teso a”, se so che stai per arrivare tutto il mio essere ti sta aspettando, questo è il Mistero più grande della vita. Mi ha sempre colpito l’Avvento perché pensate che cosa sarebbe la vita se alzandovi al mattino vi accorgeste di non aspettare nulla e nessuno. Lo so che è molto difficile che accada perché noi siamo attesa ma se riusciste ad immaginare una cosa così vi mancherebbe il fiato, non riusciremmo a reggere la gravità dell’istante se non ci fosse l’attesa di qualcuno. S. Beckett, un famoso drammaturgo del secolo scorso, ha scritto Aspettando Godot e tutti aspettano Godot ma Godot non arriva perché non c’è e qui il dramma sfocia nella tragedia perché pensate cosa sarebbe la vita se aspettassimo una persona e questa non c’è.

Noi non possiamo decidere di non attendere come non possiamo dire al nostro cuore di non aspettare, il punto è: chi aspettiamo? Se non aspettiamo Cristo coscientemente inevitabilmente aspettiamo qualcos’altro o qualcun altro. Cesare Pavese nel suo diario “Il mestiere del vivere” scrive: “forse qualcuno ci ha promesso qualcosa? E allora perché attendiamo?” Semplice, è il rapporto inestricabile tra attesa e promessa; la promessa indica un’attesa, pro-mettere significa guardare avanti, attendere. Pavese che non era cristiano e che alla fine non è riuscito a reggere l’urto del tempo e si è tolto la vita, era un genio e Don Giussani diceva che un genio, ovunque sia e a qualunque cultura appartenga, se è genio è profeta di Cristo. Per questo attendiamo e riusciamo persino ad amare il tempo perché il tempo è abitato da questa promessa, da uno che ci attende. Cristo dopo la resurrezione rimane presente, è una presenza che permane. Questo è affascinante, vivere perché qualcuno ci ha fatto una promessa. Che differenza c’è tra la mia attesa da cristiano e quella dell’altro? Che noi abbiamo avuto la grazia di conoscere colui che è già venuto, che è presente e che sta per tornare, infatti attendiamo il suo ritorno, la sua presenza.

Quindi cosa stiamo aspettando se non la sua presenza? Cristo tutti i giorni si riaffaccia alla nostra vita riproponendoci questa sfida: mi ospiti? Mi accogli oggi? A chi dici sì oggi? Nella vita noi diamo quello che viviamo, nessuno dà quello che non ha. Possiamo accogliere la realtà qualunque faccia abbia solo a condizione che la nostra vita stia godendo adesso dell’accoglienza di Cristo, del fatto che Cristo la mattina quando ci svegliamo è già lì che ti aspetta e ti dice: “io ci sono per te”. Questa è la sfida del cristianesimo, nessuno può dare quello che non ha.

Giuseppe: ti ringrazio per quello che hai detto, ho rivisto la mia storia, la storia di un amico che ho portato a Vitorchiano e che mi ha chiesto: “ma sanno chi sono io?” perché ne combinava di tutti i colori ma è rimasto meravigliato per come è stato chiamato dalle monache a partecipare alla loro funzione, guardato semplicemente come essere umano e non come peccatore.

Auguro buon Natale a tutti e ricordiamoci che i primi due che hanno accolto il mistero sono stati San Giuseppe e la Madonna, a loro è stato dato in affido Gesù Cristo, a noi, come diceva Don Giussani, non è stato dato in affido Gesù ma accogliendo questi bambini accogliamo degli angeli.

Condividi
Description

Don Ambrogio: Voglio ripercorrere adesso con voi alcuni passaggi perché penso che ci aiutino a guardare con sguardo rinnovato a questa avventura (cioè andare incontro a uno che mi sta venendo incontro, a prescindere dalla nostra distrazione) perché se noi non ci rendiamo conto di che cos’è il mistero della vita e quindi il mistero di questa accoglienza dell’altro, mai potremo fare esperienza, potremo spendere tante parole ma mai fare esperienza cioè gustare il significato delle cose. Che cosa ci…

Leggi tutto
Condividi

Details

Start:
22 Dicembre, 2019 @ 00:00
End:
22 Marzo, 2021 @ 17:00
Categoria Evento:
Condividi